Glossario della Campagna di EURORDIS per l'Accesso ai Farmaci

 

Di seguito il glossario dei termini tecnici utilizzati nella Campagna di EURORDIS per l'Accesso ai Farmaci.

 


Accessibilità (Affordability)
Accesso con raccolta di evidenze (Access with Evidence Development)
Accesso/accessibilità) (Access/accessibility)
Accordi di accesso condizionato (Managed entry agreements)
Accordi di prezzo/volume (Price volume agreements)
Accordo basato su parametri clinici (Performance based agreement)
Accordo di condivisione del rischio (Risk-sharing agreement)
Acquisto congiunto (Group purchasing)
Acquisto di farmaci (Procurement)
Analisi costi-benefici (Cost-benefit analysis)
Analisi costo-efficacia (Cost-effectiveness analysis-CEA)
Analisi di impatto sul budget (Budget impact analysis)
Assicurazione sanitaria privata (Voluntary health insurance - VHI)
Assicurazione socio-sanitaria (Social health insurance-SHI)
Beneficio terapeutico/valore terapeutico (Therapeutic benefit/therapeutic value) Riferimento terapeutico (Therapeutic referencing)
Blocco dei prezzi (Price freeze)
Budget della spesa farmaceutica (Pharmaceutical budget)
Categoria di rimborso/gruppo di rimborso (Reimbursement category/reimbursement group)
Commercio parallelo (Parallel trade)
Compartecipazione (Co-payment)
Contenimento dei costi (Cost-containment)
Contribuente terzo/contribuente/ assicuratore/acquirente) (Third party payer - payer, insurer, purchaser)
Controllo dei volumi (Volume control)
Controllo del prezzo (Price control)
Copertura (Coverage)
Copertura condizionale (Conditional coverage)
Copertura condizionata dallo sviluppo di evidenze (Coverage with evidence development-CED)
Costo della dispensazione (Dispensing fee)
Costo-efficacia (Cost-effectiveness)
Denominazione del medicinale (Brand name)
Determinazione legale del prezzo (Statutory pricing)
Direttiva sulla trasparenza (Transparency directive)
Eccessiva prescrizione (Over prescribing)
Efficacia reale (Effectiveness)
Efficacia sperimentale (Efficacy)
Efficienza (Efficiency)
Elenco negativo (Negative list)
Elenco positivo - prontuario (Positive list - formulary)
Farmaci essenziali (Essential medicines)
Farmaci gratuiti (Cost-free medicines)
Farmaci utilizzabili esclusivamente in ambiente ospedaliero (Hospital-only medicines - HOM)
Farmacia ospedaliera (Hospital pharmacy)
Farmacia territoriale (Community pharmacy)
Farmaco da banco (FdB)/prodotto da banco (Over-the-counter (OTC) medicine/over-the-counter product)
Fondo malattia/ente di previdenza sociale (Sickness fund/social insurance institution)
Gara di appalto (Tender)
Immissione dell’ordine (Order entry)
Impatto sul budget (Budget impact)
Imposta sui farmaci (Pharmacy tax)
Imposta sul valore aggiunto (IVA) (Value added tax-VAT)
Ingrosso (Wholesale)
Margine/margine distributivo (Margin/distributed margin)
Massimo di spesa out-of-pocket/massimale annuo (Out-of pocket maximum/annual ceiling)
Medicinali soggetti a prescrizione (Prescription only medicines)
Mercato del rimborso (Reimbursement market)
Negoziazione del prezzo (Price negotiation)
Notifica del prezzo (Price notification)
Pagamenti diretti (Out-of pocket payments - OPP)
Pagamenti informali (Informal payments)
Parità di potere di acquisto (Purchasing power parities - PPP)
Partecipazione ai costi (Cost-sharing)
Paziente ad alto costo (High-cost patient)
Percentuale di compartecipazione (Percentage co-payment)
Prezzo al pubblico in farmacia (Pharmacy retail price)
Prezzo di acquisto (Purchaser’s price)
Prezzo di costo maggiorato (Cost-plus pricing)
Prezzo di listino (List price)
Prezzo di riferimento esterno/confronto internazionale del sistema prezzi (External price referencing/international price comparison)
Prezzo di riferimento interno (Internal price referencing)
Prezzo di rimborso (Reimbursement price)
Prezzo di vendita alla farmacia (Pharmacy purchasing price)
Prezzo franco fabbrica (Ex-factory price)
Prezzo massimo (Maximum price)
Prezzo massimo/tetto massimo di prezzo (Price cap/price ceiling)
Prezzo ospedaliero/prezzo medio di vendita agli ospedali (Hospital price/average selling price to hospitals)
Prodotto Interno Lordo - PIL (Gross domestic product - GDP)
Quota fissa di compartecipazione (Fixed co-payments)
Rapporto rischio-beneficio (Risk-benefit balance)
Recupero dei costi (Claw-back)
Riclassificazione (De-listing)
Rimborso (Pay-back)
Rimborso (Reimbursement)
Rimborso basato su parametri clinici (Performance-linked reimbursement)
Rimborso parziale (Rebate)
Rimborso specifico per una malattia (Disease-specific reimbursement)
Rimborso specifico per una popolazione definita (Population-group-specific reimbursement)
Schema di rimborso (Reimbursement scheme)
Schema per l’accesso dei pazienti (Patient access scheme - PAS)
Schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari conseguiti (Performance based health outcome reimbursement schemes)
Schemi di ripartizione del rischio (Risk sharing schemes)
Sconto (Discount)
Sistema del prezzo di riferimento (Reference price system)
Sostituzione con un generico (Generic substitution)
Spesa farmaceutica, spesa farmaceutica totale (Pharmaceutical expenditure - PE, total pharmaceutical expenditure - TPE)
Spesa Sanitaria, Spesa Sanitaria Totale (Health expenditure / HE, total heath expenditure, THE)
Taglio del prezzo (Price cut)
Tasso di rimborso (Reimbursement rate)
Tecnologia Sanitaria (Health technology)
Tipologia di prezzo (Price type)
Uso razionale di medicinali (Rational use of medicines)
Utenti finali dei farmaci (End users of pharmaceuticals/end users)
Valutazione delle Tecnologie Sanitarie (Health technology assessment - HTA)
Venditore al dettaglio/dispensario (Retailer/dispensary)


 

 

Accessibilità (Affordability)

    La misura in cui i farmaci e altri prodotti sanitari sono a disposizione delle persone che ne hanno bisogno ad un prezzo sostenibile per i pazienti e per il sistema sanitario [Fonte: adattamento da OMS. Un modello di sistema per il controllo della qualità per le agenzie di approvvigionamento]

Accesso con raccolta di evidenze (Access with Evidence Development - AED)

Iniziativa in cui uno sponsor fornisce un finanziamento temporaneo o a scadenza per una particolare tecnologia o servizio, per facilitare la raccolta di informazioni necessarie a ridurre specifiche incertezze in merito a una decisione su una copertura. [Fonte: Stafinski T, McCabe C, Menon D: Finanziare l'infinanziabile – Sistemi per gestire l'incertezza nelle decisioni sull'introduzione di nuove e innovative tecnologie nei sistemi sanitari. Farmacoeconomica 2010; 28:113-42.]. Vedi anche: Accordi di accesso condizionato. Accordi di accesso condizionato.

Accesso/accessibilità (Access/Accessibility)

 La capacità di un malato di ottenere cure mediche e la dimensione della popolazione che ha accesso ad adeguati servizi sanitari. La facilità di accesso è determinata da fattori quali disponibilità di servizi medici e loro accettabilità da parte del paziente, dislocazione delle strutture mediche, trasporti, ore di funzionamento e costo delle cure. Gli ostacoli all'accesso possono essere di natura: finanziaria (risorse economiche insufficienti), geografica (distanza dal luogo di erogazione della cura), organizzativa (carenza di fornitori di cure disponibili) e sociale (ad esempio discriminazione o presenza di barriere linguistiche). Gli sforzi per migliorare l'accesso spesso si concentrano nel fornire o migliorare la copertura sanitaria. [Fonte: OMS. Glossario di termini per l'Assistenza Sanitaria Comunitaria e dei Servizi Sanitari per le Persone Anziane]

Accordi di accesso condizionato (Managed entry agreements)

    Un accordo tra un produttore e un acquirente/fornitore che consente l'accesso (la copertura o il rimborso) di una tecnologia sanitaria a determinate condizioni. Questi accordi possono utilizzare una serie di meccanismi per rispondere all'incertezza sulle prestazioni delle tecnologie o per favorire l'adozione di tecnologie al fine di massimizzare la loro efficacia o limitare il loro impatto economico. [Fonte: Klemp, M Fronsdal KB, Facey K. Quali principi dovrebbero governare l'uso di accordi di accesso condizionato? International Journal of Technology Assessment in Health Care. Gennaio 2011; 27 (1): 77-83]. Tipi di accordi di accesso condizionato: • Accesso con raccolta di evidenze • Copertura condizionale • Copertura con raccolta di evidenze • Schema per l’accesso dei pazienti (PAS) • Accordo basato su parametri clinici • Schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari conseguiti • Accordi di prezzo/volume • Schemi di ripartizione del rischio

Accordi di prezzo/volume (Price volume agreements)

Accordi che si basano sul controllo della spesa finanziaria e che prevedono il rimborso alle aziende farmaceutiche in situazioni di sforamento del budget. [Fonte: Adamski J. Accordi per la ripartizione del rischio per i prodotti farmaceutici: possibili considerazioni e raccomandazioni per i contribuenti europei. BMC Health Services Research 2010, 10: 153]. Vedi anche: Accordi di accesso condizionato (managed entry agreements)

Accordo basato su parametri clinici (Performance based agreement)

Accordo tra un acquirente e un produttore di farmaci, dispositivi medici o sistemi diagnostici dove il livello dei prezzi e/o di ricavi è calcolato sulla base delle prestazioni future del farmaco sia nel campo della ricerca che nel mondo reale. [Fonte: Towse A, Garrison L. Verso un quadro economico per comprendere gli accordi di ripartizione del rischio basati sulle prestazioni per i farmaci innovativi. Pharmacoeconomics 2010, 28:. 93-102] Vedi anche Accordi di accesso condizionato (managed entry agreements)

Accordo di condivisione del rischio (Risk-sharing agreement)

È un accordo tra le autorità pubbliche e un produttore che lega il prezzo di un farmaco ad un rischio definito. Il rischio può essere il rischio di un uso non appropriato (eccessiva prescrizione in confronto alla popolazione target o prescrizione di dosaggi non appropriati) o può riguardare il rapporto costo-efficacia dichiarato dal produttore. [Fonte: glossario del PPRI]   

Accordo di prezzo/volume (Price-volume agreement)

È come un accordo quadro, uno strumento di controllo del volume. Il prezzo di un farmaco è concordato tra le autorità pubbliche e un produttore sulla base delle previsioni di vendita. Se il volume di vendita reale supera quello previsto, il prezzo del farmaco è solitamente rivisto al ribasso.  [Fonte: glossario del PPRI]

Acquisto congiunto (Group purchasing)

Raggruppamento in forma di alleanza di diversi compratori per negoziare il prezzo di un farmaco sulla base di un maggiore volume di acquisto. Questo comprende l'approvvigionamento in comune attraverso un sistema di gare, a livello nazionale o regionale. [Fonte: Conferenza mondiale sul futuro della Farmacia Ospedaliera]

Acquisto di farmaci (Procurement)

    L'atto di acquistare prodotti farmaceutici da parte di un'autorità pubblica. [Fonte: OCSE. Un piano dei conti per la sanità]. La fornitura di prodotti farmaceutici è un processo complesso che implica diversi passaggi e coinvolge numerosi portatori di interesse. Questa è effettuata nell'ambito delle politiche nazionali e istituzionali, delle norme, dei regolamenti e delle strutture che possono ostacolare o sostenere l'efficienza complessiva del processo di acquisto. Un processo di acquisto efficace a qualsiasi livello deve garantire il perseguimento di quattro obiettivi strategici: l'acquisto di farmaci con il miglior rapporto qualità/prezzo nelle giuste qualità; la selezione di fornitori di farmaci di alta qualità affidabili; sistemi di approvvigionamento e di distribuzione che garantiscano consegne tempestive e senza problemi; processi che assicurino i costi totali più bassi possibile. [Fonte: OMS. Principi operativi per una buona politica sulla fornitura di prodotti farmaceutici]  

Analisi costi-benefici (Cost-benefit analysis)

Confronta il costo di un intervento medico rispetto ai suoi benefici. Sia i costi che i benefici devono essere misurati nella stessa moneta (ad esempio, euro o dollari). [Fonte: Strom, Kimmel. Testo di farmacoepidemiologia]

Analisi costo-efficacia (Cost-effectiveness analysis - CEA)

    L'analisi del rapporto costo-efficacia (ACE) è un'analisi economica che valuta sia i costi che gli effetti di un intervento sanitario. I costi sono misurati in valuta monetaria mentre gli effetti sono misurati in termini di risultati ottenuti, come ad esempio gli anni di vita guadagnati (AVG - in inglese "Life Year Gained - LYG"), la qualità di vita negli anni (in inglese "Quality Adjusted Life of Years" - QALY) o il numero di casi di malattia prevenuti. Il risultato di un'analisi costo-efficacia, ovvero se l'intervento sanitario sia o meno conveniente, dipende comunque dalla soglia di riferimento impostata. L'ACE può identificare l'alternativa che, per un determinato livello impostato, minimizza il valore reale dei costi o, in alternativa, per un determinato costo, massimizza i risultati.

Analisi di impatto sul budget (AIB) (Budget impact analysis - BIA)

 L'analisi di impatto sul budget (AIB) è una parte fondamentale di una valutazione economica complessiva della tecnologia sanitaria ed è sempre più richiesta, insieme all'analisi del rapporto costo-efficacia (CEA), prima di stabilire l’approvazione di un prontuario o il rimborso. Il suo principale obiettivo consiste nel valutare le conseguenze finanziarie dell’introduzione di una nuova tecnologia nel breve termine, in uno specifico contesto territoriale, allo scopo di determinarne la sostenibilità da parte del sistema sanitario di riferimento. In particolare, l'AIB è in grado di mostrare in anticipo quale sarà l’impatto di una variazione nella combinazione di farmaci e di altre terapie utilizzate per il trattamento di una particolare condizione sulle previsioni di spesa per tale condizione. Tra le persone coinvolte nell'AIB vi sono coloro che gestiscono e pianificano i budget per le cure sanitarie, come gli amministratori dei piani di assistenza sanitaria regionali o nazionali, gli amministratori dei piani assicurativi privati, gli amministratori di enti per l'erogazione di cure sanitarie e datori di lavoro che pagano i contributi per l'assistenza sanitaria dei propri dipendenti. l'AIB dovrebbe essere considerata come un'analisi complementare all'analisi costi-benefici, non una variazione o un'alternativa. Infatti, mentre quest'ultima valuta i costi e i risultati di tecnologie alternative rispetto ad un determinato orizzonte temporale per stimarne la validità da un punto di vista economico, l'AIB valuta il flusso finanziario delle conseguenze relative all'adozione e diffusione di tecnologie al fine di valutarne l’accessibilità. [Fonte: Rapporto della Task Force ISPOR sulle Buone Pratiche della Ricerca – Analisi di impatto sul budget]

Assicurazione sanitaria privata (Voluntary health insurance - VHI)

Assicurazione sanitaria che viene stipulata e pagata a discrezione dei singoli o dei datori di lavoro per conto di privati. Questa assicurazione può essere offerta da organismi pubblici o semi-pubblici, commerciali e dalle organizzazioni private senza scopo di lucro. Nel contesto europeo, le assicurazioni sanitarie private possono essere classificate in tre differenti categorie: Assicurazione sanitaria privata sostitutiva che prevede una copertura altrimenti disponibile fornita da parte dello Stato. In un sistema di assicurazione sanitaria sociale, persone che non hanno alcun obbligo di assicurazione (in alcuni Paesi, ad esempio, i lavoratori autonomi) possono optare per un'assicurazione sanitaria sostitutiva privata. L’assicurazione privata prevede la copertura per i servizi esclusi o non interamente coperti dallo Stato (ad esempio, le cure dentistiche), compresa la copertura delle compartecipazioni imposte dal sistema di assistenza sanitaria pubblica. Le assicurazioni private prevedono la copertura per un accesso più rapido ai servizi e una maggiore scelta per i consumatori. [Fonte: glossario del PPRI]

Assicurazione socio-sanitaria (Social health insurance - SHI)

L'assicurazione socio-sanitaria è una tipologia di servizi di assistenza sanitaria, spesso finanziata attraverso contributi assicurativi da parte dei datori di lavoro e dei lavoratori, nonché da sussidi statali. In molti Paesi, ci sono programmi obbligatori per i dipendenti il cui reddito non supera una determinata soglia (=obbligo di assicurazione). L'assicurazione sanitaria sociale talvolta è organizzata in diversi fondi di previdenza e in alcuni Paesi il paziente può scegliere a quale fondo aderire (come ad esempio, in Germania), mentre in altri l’adesione avviene obbligatoriamente sulla base di alcuni fattori, ad esempio il tipo di occupazione (come in Polonia e in Austria). In alcuni Paesi, è possibile per le persone ad alto reddito o per gli imprenditori, scegliere un'assicurazione sanitaria privata sostitutiva. Accanto all'assicurazione sanitaria sociale, in alcuni Paesi sono molto diffuse le assicurazioni sanitarie volontarie che possono coprire, ad esempio, i pagamenti effettuati di tasca propria o consentire la scelta libera del medico. [Fonte: glossario del PPRI]

Beneficio terapeutico/valore terapeutico (Therapeutic benefit/therapeutic value)

    L'effetto registrato su un paziente dopo la somministrazione di un farmaco che ripristina, corregge o modifica una o più funzioni fisiologiche di quel paziente. [Fonte: glossario del PPRI]

Blocco dei prezzi (Price freeze)

Un metodo comune per contenere i costi. Il prezzo di un farmaco è fissato ad una certa soglia, solitamente per un determinato periodo di tempo. Il blocco dei prezzi talvolta si basa su accordi tra l'industria farmaceutica e le autorità, ma in molti casi è imposto per legge. [Fonte: glossario del PPRI]

Categoria di rimborso/gruppo di rimborso (Reimbursement category / reimbursement group)

I farmaci idonei ad essere rimborsati sono spesso raggruppati in base a determinate caratteristiche, ad esempio modalità di assunzione (orale, etc.), indicazioni principali (oncologici, pediatrici, etc.), livello di ATC, classificazione (solo ospedalieri, etc.). In molti Paesi sono previsti diversi livelli di rimborso in base alla categoria. [Fonte: Glossario del PPRI]

Commercio parallelo (Parallel trade)

Il commercio parallelo dei farmaci in Europa è una forma di arbitraggio nel quale i farmaci sono acquistati in uno Stato Membro della UE, solitamente dove i livelli di reddito sono relativamente bassi, per poi essere rivenduti in altri Stati Membri, dove i livelli di reddito e, di conseguenza, i prezzi, sono più alti (anche se vi sono eccezioni in cui i farmaci vengono venduti a prezzi più alti in Paesi a basso reddito).  In questo commercio sono coinvolte oltre 100 imprese di commercio parallelo, che danno lavoro a circa 12.000 persone (5.000 solo nel Regno Unito), alcune con lavoro a tempo parziale, altre su base occasionale. Le imprese più grandi sono rappresentate a livello europeo dall'associazione di categoria denominata Associazione Europea delle Società Eurofarmaceutiche (EAEPC), anche se esiste un numero relativamente elevato di titolari di licenze di cui si sa ben poco. [Fonte: Europe Economics. Valutazione dell'Impatto del Commercio Parallelo sulla Sicurezza dei Farmaci]

Compartecipazione (Co-payment)

    Contributo del paziente assicurato alle spese sostenute per un servizio medico coperto dall'assicuratore. Può essere espresso come percentuale del costo totale del servizio o come importo predeterminato. [Fonte: OCSE – Pharmaceutical Pricing Policies in a Global Market ] Vedi anche : Pagamenti diretti.

Contenimento dei costi (Cost-containment)

Misure prese per ridurre la spesa o ridurre il tasso di crescita dei prezzi o il costo unitario di un servizio. Le misure di contenimento dei costi possono mirare a contenere le inefficienze nel consumo, nell'allocazione o nella produzione di servizi di assistenza sanitaria che comportano costi più alti del necessario. Contenimento dei costi è un termine utilizzato liberamente in ambito sanitario per descrivere la maggior parte delle attività di riduzione dei costi da parte dei fornitori e include un'ampia gamma di meccanicismi utilizzati a tal fine, ad esempio budget vincolanti, partecipazione ai costi, regolazione dell’offerta di servizi e di personale, liste di attesa dei pazienti, esclusione di alcuni gruppi dalla possibilità di usufruire di specifici servizi, privatizzazione, e concorrenza amministrata. Per quanto attiene ai farmaci, può riguardare il quadro delle politiche di prezzo e di rimborso (ad esempio il taglio/blocco dei prezzi o la riclassificazione di un farmaco) [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI].

Contribuente terzo/contribuente/assicuratore/acquirente (Third party payer - payer, insurer, purchaser)

Organizzazione pubblica o privata che paga o assicura la salute o le spese mediche per conto dei beneficiari o destinatari. I beneficiari pagano un premio per avere la copertura nell'ambito di programmi di previdenza sociale sia pubblici che privati, mentre il sistema è sostenuto dalla fiscalità generale del Servizio Sanitario Nazionale. Il pagatore (assicuratore) paga quindi le fatture per conto dei privati coperti dal servizio. Tali pagamenti sono chiamati pagamenti di terze parti. Si distinguono per la separazione tra la persona che riceve il servizio (la prima parte), l'individuo o l'istituzione che fornisce il servizio (la seconda parte), e l'organizzazione che paga per i servizi (la terza parte).

Controllo dei volumi (Volume control)

    Misure applicate dalle autorità (stati o pagatori terzi) o da parti coinvolte (ad esempio, gli ospedali) per condizionare e limitare il numero di farmaci prescritti e/o dispensati (ad esempio per i budget farmaceutici).

Copertura (Coverage)

    Una misura dei limiti entro i quali i servizi offerti sono in grado di coprire la potenziale richiesta di tali servizi da parte della comunità. [Fonte: OMS. Glossario di termini per l'Assistenza Sanitaria Comunitaria e dei Servizi Sanitari per le Persone Anziane]

Copertura condizionale (Conditional coverage)

Programmi in cui la copertura è garantita in maniera condizionata all'inizio di un programma di raccolta dati. [Fonte: Carlson JJ , Sullivan SD, Garrison LP, Neumann PJ, Veenstra DL. Collegare i pagamenti ai risultati scientifici: tassonomia e analisi degli schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari tra organismi pagatori e produttori. Politica Sanitaria. Agosto 2010 96(3):179-90.] Vedi anche: Accordi di accesso condizionato.

Copertura condizionata dallo sviluppo di evidenze (Coverage with evidence development - CED)

    Adozione di una prestazione sanitaria subordinata alla raccolta di ulteriori prove a livello di popolazione per sostenere il proseguimento, l'estensione o la revoca della copertura stessa. [Fonte: Carlson JJ , Sullivan SD, Garrison LP, Neumann PJ, Veenstra DL. Collegare i pagamenti ai risultati scientifici: tassonomia e analisi degli schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari tra organismi pagatori e produttori. Politica Sanitaria. Agosto 2010 96(3):179-90.] Vedi anche: Accordi di accesso condizionato.  

Costo della dispensazione (Dispensing fee)

Di norma si tratta di una commissione fissa che le farmacie sono autorizzate ad applicare per ogni prescrizione in sostituzione o in aggiunta alla percentuale di guadagno e che copre il lavoro legato alla gestione di una prescrizione. Una percentuale di guadagno rende il profitto dipendente dal volume di vendita di farmaci costosi.

Costo-efficacia (Cost-effectiveness)

Rapporto qualità-prezzo. Un determinato trattamento sanitario è definito (economicamente) conveniente se garantisce benefici per la salute maggiori di quelli che si potrebbero ottenere impiegando altrimenti le risorse. [Fonte: Glossario di NICE]

Denominazione del medicinale (nome dell'innovatore, denominazione della specialità medicinale) (Brand name)

Nome attribuito per scopi commerciali ad ogni medicinale precedentemente preparato, immesso in commercio con una denominazione speciale ed in una confezione particolare. La denominazione del medicinale può essere protetta da brevetto.

Determinazione legale del prezzo (Statutory pricing)

    Sistema di prezzi dove i prezzi dei farmaci sono stabiliti per legge (o per decreto). [Fonte: glossario del PPRI]

Direttiva sulla trasparenza (Transparency directive)

La Direttiva 89/105 / CEE del Consiglio (21 dicembre 1988) riguarda la trasparenza delle misure che regolano la fissazione dei prezzi delle specialità medicinali per uso umano e la loro inclusione nei regimi nazionali di assicurazione malattia. [Fonte: glossario del PPRI]  

Eccessiva prescrizione (Over prescribing)

Si ha quando un medico prescrive più farmaci rispetto ad altri medici in situazioni confrontabili (ad esempio con gruppi di pazienti simili o nella stessa regione). La misura della eccessiva prescrizione assume una particolare importanza se il medico ha un budget farmaceutico approvato. [Fonte: glossario del PPRI]

Efficacia (Efficacy)

L'efficacia è la misura in cui un intervento fa più bene che male in condizioni ideali. Efficacia relativa: può essere definita come la misura in cui un intervento fa più bene che male in condizioni ideali, rispetto ad uno o più interventi alternativi. [Fonte: European Union Pharmaceutical Forum. Principi di base sulla valenza relativa]

Efficacia reale (Effectiveness)

L’efficacia reale determina se un intervento fa più bene che male quando viene somministrato nelle abituali condizioni della pratica clinica. L’efficacia relativa determina se un intervento fa più bene che male rispetto ad uno o più interventi alternativi nell’ottenere i risultati desiderati viene somministrato nelle abituali condizioni della pratica clinica. [Fonte: European Union Pharmaceutical Forum. Principi di base sull’efficacia reale]

Efficienza (Efficiency)

   L’efficienza esprime la capacità di svolgere bene un determinato compito o ottenere un risultato senza spreco di energie, risorse, impegno, tempo e denaro, dunque rappresenta la misura in cui gli obiettivi sono raggiunti riducendo al minimo l'uso delle risorse (vale a dire, ottenendo il massimo risultato possibile con le risorse disponibili). Un’efficienza maggiore si ottiene quando lo stesso numero e lo stesso livello di servizi viene offerto ad un costo più basso, se un'attività più utile viene svolta al posto di una meno utile allo stesso costo o se le attività non necessarie vengono eliminate. L'efficienza può essere misurata in termini fisici (efficienza tecnica) o in termini di costo (efficienza economica). L'efficienza tecnica è definita come l’abilità ad ottenere il massimo output dati gli input a disposizione, ovvero l’abilità a minimizzare l’impiego di input necessari ad ottenere un dato livello produttivo. L’efficienza allocativa si realizza quando l'allocazione delle risorse è tale che non è possibile apportare miglioramenti paretiani al sistema, ovvero non si può migliorare la condizione di un soggetto senza peggiorare la condizione di un altro. [Fonte: World Bank]

Elenco negativo (Negative list)

Elenco di farmaci che non possono essere prescritti a spese di terze parti. [Fonte: glossario del PPRI]  

Elenco positivo/prontuario (Positive list - formulary)

    Elenco di farmaci che possono essere prescritti a spese di contribuenti terzi. [Fonte: glossario del PPRI]

Farmaci da banco/prodotto da banco (FdB) (Over-the-counter (OTC) medicine/over-the-counter product)

Farmaci che possono essere dispensati senza prescrizione e che sono disponibili in alcuni Paesi tramite distributori self-service in farmacia e/o presso altri punti di vendita (ad esempio parafarmacie). Alcuni farmaci FdB possono essere rimborsati per certe indicazioni e in determinati Paesi. [Fonte: glossario del PPRI]

Farmaci essenziali (Essential medicines)

I farmaci essenziali sono quelli che rispondono ai bisogni primari di assistenza sanitaria della popolazione. Sono selezionati tenendo conto della prevalenza della malattia, delle prove sull’efficacia e la sicurezza e del rapporto costo/efficacia (prezzo-qualità). Il concetto di farmaci essenziali include anche la necessità di aggiornare periodicamente la lista di questi medicinali per comprendere le nuove opzioni ed esigenze terapeutiche, la necessità di garantire la qualità dei farmaci e la necessità di continuare a sviluppare nuovi farmaci, farmaci per le malattie emergenti e farmaci che soddisfano i cambiamenti dei modelli di sviluppo della resistenza (al farmaco). [Fonte: OMS. Farmaci Essenziali]

Farmaci gratuiti (Cost-free medicines)

I farmaci gratuiti sono distribuiti agli ospedali o alle farmacie ospedaliere senza necessità di pagare (ad esempio, da un grossista o un'azienda farmaceutica ad un ospedale o ad una farmacia ospedaliera).

Farmaci utilizzabili esclusivamente in ambiente ospedaliero (Hospital-only medicines-HOM)

Farmaci che possono essere gestiti esclusivamente in ospedale [Fonte: Glossario del PPRI]

Farmacia ospedaliera (Hospital pharmacy)

La farmacia ospedaliera è il servizio di assistenza sanitaria che comprende l'arte, la pratica e la professione di scegliere, preparare, immagazzinare, comporre e distribuire dispositivi farmaceutici e medici, informando i professionisti del settore sanitario e i pazienti in merito alla loro utilizzo sicuro, efficace ed efficiente. La farmacia ospedaliera è una branca specialistica della farmacia che rappresenta una parte integrante del sistema di assistenza all'interno della struttura sanitaria. Il farmacista ospedaliero è colui che cerca continuamente di mantenere e migliorare la gestione dei farmaci e l'assistenza farmaceutica per i pazienti, garantendo i più alti standard in un ambiente ospedaliero. [Fonte: Associazione europea dei farmacisti ospedalieri]

Farmacia territoriale (Community pharmacy)

    Struttura sanitaria che eroga farmaci (farmaci soggetti a prescrizione, farmaci da banco, rimborsabili e non rimborsabili) a pazienti esterni. Le farmacie sono soggette alla regolamentazione farmaceutica (ad es. leggi nazionali sulla costituzione e sulla proprietà delle farmacie). In molti Paesi, le farmacie territoriali sono strutture private, nonostante esistano anche farmacie la cui proprietà è pubblica. La fornitura di farmaci per i pazienti interni è invece garantita dalle farmacie ospedaliere o dai depositi farmaceutici. In alcuni casi, le farmacie ospedaliere sono anche farmacie comunali. [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI] Vedi anche: Farmacia ospedaliera.

Fondo malattia/ente di previdenza sociale (Sickness fund/social insurance institution)

   Unico ente di previdenza sociale. In alcuni Paesi sono presenti diverse casse per la malattia (come in Austria) o anche in concorrenza tra loro (Germania). Alcuni fondi malattia operano su base regionale, mentre altre sono limitate a specifici gruppi professionali come agricoltori o imprenditori. [Fonte: glossario del PPRI]

Gara di appalto (Tender)

Qualsiasi procedura formale e competitiva di approvvigionamento attraverso la presentazione di offerte dove ai partecipanti viene chiesto di presentare un'offerta da valutare per l'acquisto di beni, lavori o servizi. L’appalto è aggiudicato all'offerente la cui offerta risulta la più vantaggiosa. [Fonte: African Development Bank Group - Glossario dei termini di approvvigionamento] Vedi anche: Acquisto di farmaci (procurement)

Immissione dell’ordine (Order entry)

Sistema attraverso il quale l’ordine di un medicinale viene controllato e processato in preparazione della sua somministrazione. Può essere un processo manuale o automatico. [Fonte: Conferenza mondiale sul futuro della Farmacia Ospedaliera]

Impatto sul budget (Budget impact)

Il budget è lo stato di previsione delle entrate e delle spese per un determinato periodo. L'impatto sul budget riguarda i costi totali che il rimborso e l'utilizzo dei farmaci comportano su una parte del sistema sanitario, sull’assistenza farmaceutica o sull'intero sistema sanitario, includendo potenziali riallocazioni nelle risorse sanitarie.

Imposta sui farmaci (Pharmacy tax)

    Un'imposta, diversa dall'IVA, riscossa dallo Stato o dal Comune, sul prezzo di vendita di un prodotto e raccolta dal rivenditore. [Fonte: glossario del PPRI]

Imposta sul valore aggiunto (IVA) (Value added tax - VAT)

È un’imposta indiretta che colpisce i consumi. Si tratta di una tassa ad ampio spettro, comunemente studiata per coprire la maggior parte o tutti i beni e servizi, inclusi i prodotti farmaceutici. L'aliquota IVA sui farmaci nella UE è solitamente inferiore all’aliquota IVA standard. L'IVA deducibile è il valore aggiunto della tassa calcolato sugli acquisti di beni e servizi destinati al consumo intermedio, alla formazione del capitale fisso lordo o anche alla rivendita, nel caso in cui il produttore sia autorizzato dalle leggi del proprio Stato a dedurre l'IVA dal proprio debito IVA rispetto all'IVA fatturata ai propri clienti. L'IVA non deducibile è la tassa sul valore aggiunto dovuta da chi compra e che non è deducibile dal proprio debito IVA, se esiste. [Fonte: adattato dal "Manuale metodologico sulla parità di potere d'acquisto (PPA) di EUROSTAT-OCSE]

Ingrosso (Wholesale)

Tutte le attività che consistono nel procurarsi, possedere, fornire o esportare medicinali, salvo la fornitura di medicinali al pubblico. Tali attività sono svolte con produttori o loro depositari, importatori, distributori all'ingrosso, farmacisti e persone autorizzate a fornire medicinali al pubblico nello Stato membro interessato. I grossisti hanno un "obbligo di servizio pubblico": l'obbligo di garantire un assortimento permanente di medicinali sufficiente a soddisfare le esigenze di una specifica area geografica e di consegna delle forniture richieste, nel giro di pochissimo tempo su tutta l'area in questione. [Fonte: Direttiva 2001/83 / CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001, sul codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano] Full-liner: l'attività di distribuzione all’ingrosso di farmaci su tutta la linea (full line) consiste nell'acquisto e vendita, stoccaggio, preparazione degli ordini e consegna/distribuzione di tutta la gamma di medicinali su un mercato definito. Short-liner: l'attività di distribuzione all’ingrosso di farmaci short liner è costituita dalla fornitura e dalla distribuzione di un assortimento selezionato di medicinali su un mercato definito. [Fonte: adattato dal sito web GIRP]

Margine/margine distributivo (Margin/distribution margin)  

Il margine espresso in percentuale è la percentuale del prezzo di vendita che costituisce il profitto. Il margine all'ingrosso è il profitto lordo dei grossisti, espresso come percentuale del prezzo all'ingrosso. Il margine della farmacia è il profitto lordo delle farmacie espresso come percentuale del prezzo di vendita al dettaglio applicato dalle farmacie. [Fonte: Adattamento dal glossario del PPRI]

Massimo di spesa out-of-pocket/massimale annuo (Out-of pocket maximum/annual ceiling)

Importo massimo (ad esempio una certa percentuale del reddito) che una persona assicurata deve pagare di tasca propria per tutti i servizi di assistenza sanitaria coperti dall’assicurazione riferiti ad un determinato periodo (solitamente un anno). [Fonte: glossario del PPRI]

Medicinali soggetti a prescrizione (Prescription only medicines)

    Prodotti che possono essere dispensati solo su prescrizione. I medicinali sono soggetti all’obbligo di prescrizione medica quando: possono rappresentare un pericolo, direttamente o indirettamente, anche in condizioni normali di utilizzazione, se sono usati senza controllo medico; sono utilizzati spesso, e in larghissima misura, in modo non corretto e, di conseguenza, è probabile che rappresentino un pericolo diretto o indiretto per la salute; contengono sostanze o preparazioni di sostanze la cui attività o le cui reazioni avverse richiedono ulteriori indagini; sono prescritti da un medico per essere somministrati per via parenterale; i medicinali destinati a pazienti esterni, ma il cui utilizzo può produrre gravissimi effetti collaterali negativi, che richiedono la prescrizione da parte di uno specialista ed una sorveglianza particolare durante il trattamento. [Fonte: Direttiva 2001/83 / CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001, sul codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano]

Mercato del rimborso (Reimbursement market)

Il mercato del rimborso è quell'area del mercato in cui i pagatori terzi rimborsano i farmaci.   

Negoziazione del prezzo (Price negotiation)

Una forma di politica dei prezzi dove i prezzi dei farmaci sono discussi/negoziati (ad esempio tra i produttori e i contribuenti terzi). [Fonte: glossario del PPRI]

Notifica del prezzo (Price notification)

 Una forma di politica dei prezzi dove le aziende farmaceutiche informano ufficialmente le autorità sul prezzo di un farmaco.

Pagamenti diretti (Out-of pocket payments - OPP)

Pagamenti effettuati da un utilizzatore dell'assistenza sanitaria che non sono rimborsati da terze parti. Questi includono la partecipazione ai costi e i pagamenti informali ai fornitori di prestazioni mediche. Partecipazione ai costi (Cost-sharing): la copertura di un'assicurazione sanitaria o il pagamento di terze parti che richiede che il soggetto beneficiario paghi una parte del costo dell'assistenza sanitaria ricevuta. Questo non ha a che vedere con il pagamento del premio di una assicurazione sanitaria, il contributo o la tassa che viene pagata a prescindere dal fatto che la prestazione sia stata erogata o meno. La compartecipazione ai costi può avvenire in forma deducibile, co-assicurata o co-pagata. Deducibile: gli importi devono essere pagati dall'assicurazione in base ad un contratto assicurativo, prima che il pagamento di qualsiasi indennità possa aver luogo. Solitamente viene indicato come importo annuale. Una volta raggiunta la soglia di deducibilità, gli assicuratori coprono il 100% degli importi concordati, relativi ai servizi usufruiti durante il restante periodo, all'interno dello stesso anno di riferimento. Compartecipazione: partecipazione ai costi nella forma di un importo fisso da pagare per un servizio. Co-assicurazione: partecipazione ai costi in proporzione al costo di un determinato servizio. [Fonte: OCSE. Un piano dei conti per la Sanità]

Pagamenti informali (Informal payments)

I pagamenti informali sono pagamenti verso medici e professionisti regolati in denaro o in natura, da parte di terzi, al di fuori della remunerazione ufficiale per i servizi medici. Solitamente sono pagamenti effettuati dai pazienti.

Parità di potere di acquisto (PPA) (Purchasing power parities - PPP)

Deflatori spaziali e convertitori di valuta che annullano gli effetti delle differenze di livelli di prezzo tra i Paesi, consentendo comparazioni in termini di volume delle componenti del prodotto interno lordo (PIL) e tra i livelli dei prezzi. La PPA è calcolata in tre fasi: in primo luogo per i singoli prodotti, quindi per gruppi di prodotti o di voci di base e, infine, per i gruppi di voci di base o aggregati. Le PPA per voci di base sono una media non ponderata delle PPA per singoli prodotti. Le PPA per gli aggregati sono medie ponderate delle PPA per voci di base. Le ponderazioni utilizzate sono la spesa per le voci di base. In tutte le fasi, la PPA è legata al prezzo e mostra quante unità di valuta A devono essere spese nel Paese A per ottenere la stessa quantità di un prodotto o di una voce di base o di un aggregato che X unità di acquisti di valuta B nel Paese B. Nel caso di un singolo prodotto, lo "stesso volume" significa "volume identico". Ma nel caso del complesso assortimento di prodotti e servizi che costituiscono un aggregato come il PIL, lo "stesso volume" non significa un "paniere identico di beni e servizi". La composizione del paniere varia da Paese a Paese in base alle differenze economiche, sociali e culturali, ma ogni paniere soddisferà le stesse esigenze. Indicato anche come "parità". [Fonte: Eurostat-OCSE. Manuale metodologico sulla parità di potere d'acquisto (PPA)]

Partecipazione ai costi (Cost-sharing)

    Fornitura di una copertura assicurativa o di un pagamento di terze parti che richiede a chi è coperto di partecipare in parte ai costi del trattamento sanitario ricevuto. Si distingue dal pagamento del premio di un'assicurazione, di un contributo o di una tassa che, invece, sono dovuti a prescindere dal fatto che la prestazione sanitaria sia stata erogata o meno. [Fonte: OCSE – Un Piano dei Conti per la Sanità] Vedi anche: Pagamenti diretti.

Paziente ad alto costo (High-cost patient)

Un paziente la cui condizione richiede un impegno finanziario importante o risorse umane e tecnologiche significative.   

Percentuale di compartecipazione (Percentage co-payment)

Partecipazione ai costi in forma proporzionale al costo di un servizio o un prodotto. Il paziente paga una determinata quota fissa in proporzione al costo del servizio o del prodotto, con un pagatore terzo che copre la parte rimanente. [Fonte: glossario del PPRI]

Prezzo al pubblico in farmacia (Pharmacy retail price - prp)

È il prezzo applicato dai farmacisti al grande pubblico e include il ricarico per la farmacia o la commissione per la distribuzione. Può essere lordo (include l'IVA) o netto (esclude l'IVA). [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI]   

Prezzo di acquisto (Purchaser’s price)

Importo pagato dall'acquirente al fine di prendere in consegna un'unità di un bene o servizio, al momento e nel luogo richiesto dall'acquirente. Si esclude l'IVA (o imposta detraibile analoga), che l'acquirente può detrarre dal suo debito IVA per l'IVA fatturata ai suoi clienti. Il prezzo d'acquisto comprende i margini del fornitore al dettaglio e di quello all'ingrosso, le spese di trasporto e di assicurazione fatturate separatamente e l'IVA (o imposta detraibile analoga) che l'acquirente non può detrarre dal proprio debito IVA. Nel caso di beni strumentali, il prezzo di acquisto comprenderà anche i costi di installazione, se applicabili. I prezzi di acquisto sono i prezzi più rilevanti per il processo decisionale da parte degli acquirenti. [Fonte: Eurostat-OCSE. Manuale metodologico su PPA (PPP)] Vedi anche: prezzo di listino (price list)  

Prezzo di acquisto alla farmacia (Pharmacy purchasing price)

    Il prezzo praticato dai grossisti ai distributori (di solito farmacie) che comprende eventuali ricarichi all’ingrosso. [Fonte: OCSE. Un piano dei conti per la sanità]

Prezzo di costo maggiorato (Cost-plus pricing)

Procedura di determinazione del prezzo che calcola un prezzo "ragionevole" per un farmaco sulla base dei costi di produzione, promozione, ricerca, sviluppo, dei costi amministrativi, dei costi centrali e del profitto. [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI].

Prezzo di listino (List price)

Il prezzo fissato da un produttore al quale egli è disposto a vendere i propri prodotti e/o il prezzo imposto per legge. I prezzi dei farmaci, così come riportati nel listino dei prezzi di acquisto, nel catalogo, sul sito internet, sulla pubblicità, nel prontuario/listino nazionale, etc. Questi prezzi non sono necessariamente i prezzi reali ai quali avvengono le transazioni. In base al Paese e/o al farmaco, possono o meno comprendere i costi di trasporto e di installazione (costi centrali), l'IVA e altre tasse indirette sui farmaci, sconti, ricarichi e ribassi, servizi fatturati e gratifiche volontarie. Alcune transazioni farmaceutiche, come la fissazione dei tassi di pagamento per le farmacie, possono essere basate sui prezzi di listino. [Fonte: Eurostat-OCSE. Manuale metodologico sulla parità di potere d'acquisto - PPA]

Prezzo di riferimento esterno/confronto internazionale del sistema prezzi (External price referencing/international price comparison)

La pratica di utilizzare il prezzo di un farmaco in uno o più Paesi per ottenere un benchmark o un prezzo di riferimento al fine di definire o negoziare il prezzo del prodotto in un determinato Paese. [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI]   

Prezzo di riferimento interno (Internal price referencing)

È la pratica di utilizzare il prezzo di farmaci identici (livello ATC 5) o prodotti simili (livello ATC 4),  ma anche di un trattamento terapeutico equivalente (non necessariamente un farmaco), in un Paese al fine di definire un prezzo di riferimento per negoziare il prezzo o il rimborso di un farmaco in un dato Paese. [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI]

Prezzo di rimborso (Reimbursement price)

Questo prezzo rappresenta la base per il rimborso dei farmaci in un sistema di assistenza sanitaria, in particolare, è il massimo importo pagato da un pagatore terzo. L'importo rimborsato può essere sia il prezzo pieno di rimborso (come ad esempio in Austria) o una percentuale dello stesso prezzo di rimborso (come avviene in Danimarca). In un sistema di riferimento dei prezzi, il prezzo di rimborso è più basso rispetto al prezzo pieno del farmaco, demandando al paziente stesso il pagamento della differenza (privatamente o tramite un'assicurazione sanitaria complementare volontaria). [Fonte: glossario del PPRI]

Prezzo franco fabbrica (Ex-factory price)

    Il prezzo dichiarato del produttore. Sconti o altri incentivi offerti dal produttore determinano il prezzo effettivo che è più basso del prezzo franco fabbrica. [Fonte: OCSE. Politiche di Prezzo per i Farmaci in un Mercato Globale]

Prezzo massimo (Maximum price)

Questa definizione cambia in base ai vari Paesi: ad esempio, in alcuni Paesi è il massimo importo che viene rimborsato (cfr. sistema dei prezzi di riferimento), in altri è la quota massima che viene rimborsata da terze parti espressa come percentuale del rimborso dei costi. [Fonte: glossario del PPRI]

Prezzo massimo/tetto massimo di prezzo (Price cap - price ceiling)

Una misura di contenimento dei costi che fissa ex-ante il prezzo massimo di un farmaco, considerando il tasso di inflazione e il costo di produzione. Le imprese possono scegliere qualunque prezzo al di sotto di tale soglia e, in cambio, le autorità si astengono da ulteriori controlli sui dati della società (profitto, margini, vendite, etc). [Fonte: glossario del PPRI]
Controllo del prezzo (Price control)
Politiche di prezzo dove le autorità governative stabiliscono il prezzo di un farmaco e/o lo influenzano indirettamente (ad esempio prezzi legalmente garantiti, trattative sui prezzi, appalti pubblici). È l'opposto del prezzo libero. Le basi sulle quali vengono stabiliti i prezzi sono varie. Possono essere sui costi, sul ritorno sull'investimento, sul margine di guadagno, etc. [Fonte: glossario del PPRI e glossario di termini statistici dell'OCSE]

Prezzo ospedaliero/prezzo medio di vendita agli ospedali (Hospital price/average selling price to hospitals)

Il prezzo o l'importo pagato da un ospedale (o da una farmacia ospedaliera) per ottenere la consegna di un certo numero di farmaci. Spesso il prezzo ospedaliero corrisponde al prezzo di acquisto delle farmacie. Può includere o meno l'IVA.   

Prodotto interno lordo (PIL) (Gross domestic product - GDP)

    Il prodotto interno lordo (PIL)  (gross domestic product - GDP) rappresenta il valore complessivo dei beni e servizi finali prodotti all'interno di un Paese in un certo intervallo di tempo, generalmente l’anno, e destinati al consumo dell'acquirente finale. Il confronto dei prodotti interni lordi si basa  senza dubbio sulla parità di potere d'acquisto (PPA) e non sui tassi di cambio di mercato. [Fonte: OCSE. Uno sguardo sulla società, 2001]

Quota fissa di compartecipazione (Fixed co-payment)

Un pagamento di tasca propria nella forma di un importo fisso (come, ad esempio, il ticket sanitario) che deve essere pagato per un servizio, un farmaco o un dispositivo medico. [Fonte: Glossario del PPRI] Vedi anche: Percentuale di compartecipazione (percentage co-payment).

Rapporto rischio-beneficio (Risk-benefit balance)

È una valutazione degli effetti terapeutici positivi di un farmaco in relazione ai suoi rischi (ogni rischio relativo a qualità, sicurezza o efficacia del farmaco in merito alla salute dei pazienti o alla salute pubblica e ogni rischio di effetti indesiderati sull'ambiente).  [Fonte: Direttiva 2001/83 /CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001, recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano]

Recupero dei costi (Claw-back)

Sistema che consente a terze parti di recuperare (in parte) abbuoni o sconti in un sistema di rimborsi tra diverse parti interessate, ad esempio grossisti e farmacie. [Fonte: Glossario del PPRI]

Riclassificazione (De-listing)

Rimozione di un farmaco da un elenco (ad esempio dall'elenco positivo) che spesso comporta l'esclusione dal rimborso [Fonte: Glossario del PPRI]

Riferimento terapeutico (Therapeutic referencing)

La pratica di utilizzare il prezzo di farmaci simili (di livello ATC 4) o di trattamenti terapeutici equivalenti (non necessariamente un farmaco) in un Paese al fine di ottenere un prezzo di riferimento per definire o negoziare il prezzo o il rimborso del farmaco in un dato Paese. [Fonte: adattamento dal glossario del PPRI]   

Rimborso (pay-back)

    Misura di contenimento dei costi; si tratta di un meccanismo finanziario che prevede che il produttore riconosca una parte dei propri ricavi ad un contribuente (ad esempio un pagatore terzo) nel caso in cui le vendite superino un budget precedentemente determinato o concordato. [Fonte: glossario del PPRI]

Rimborso (Reimbursement)

Per rimborso si intende la percentuale del prezzo (di un servizio o di un farmaco) che viene rimborsata da un pagatore terzo. Quindi, un rimborso del 100% significa che il 100% del costo di un farmaco o di un servizio viene coperto da un pagatore terzo, a meno dell'eventuale imposta sulla prescrizione.

Rimborso basato su parametri clinici (Performance-linked reimbursement)

Schemi che prevedono il collegamento tra il livello di rimborso e la misura dei risultati clinici nel mondo reale. [Fonte: Carlson JJ , Sullivan SD, Garrison LP, Neumann PJ, Veenstra DL Collegare i pagamenti ai risultati scientifici: tassonomia e analisi degli schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari tra organismi pagatori e produttori. Politica Sanitaria. Agosto 2010 96(3):179-90.] Vedi anche Accordi di accesso condizionato (managed entry agreements)
Budget della spesa farmaceutica (Pharmaceutical budget)
Il budget della spesa farmaceutica è una misura di contenimento dei costi di contribuenti terzi. L'importo massimo in denaro da spendere per i farmaci in una specifica regione o in un periodo di tempo stabilito ex-ante. [Fonte: glossario del PPRI]   

Rimborso specifico per una malattia (Disease-specific reimbursement)

    La determinazione del rimborso è collegata alla malattia sottostante che deve essere trattata. [Fonte: Glossario del PPRI]

Rimborso specifico per una popolazione definita (Population-group-specific reimbursement)

Alcuni gruppi di popolazioni specifiche (ad esempio bambini, pensionati anziani) sono idonei a ricevere un farmaco rispetto ad altri. [Fonte: glossario del PPRI]

Schema di rimborso (Reimbursement scheme)

È il sistema di rimborso che copre la maggior parte dei residenti in un Paese, in alcuni è anche chiamato rimborso "generale". [Fonte: glossario del PPRI]

Schema per l’accesso dei pazienti (Patient access scheme - PAS)

Gli schemi per l’accesso dei pazienti sono programmi speciali che le aziende farmaceutiche possono elaborare per consentire ai pazienti di ottenere l'accesso ai farmaci che hanno un costo elevato. Tali schemi sono proposti da una società farmaceutica e concordati tra il Dipartimento della Salute e l'azienda farmaceutica. [Fonte: Unità di collegamento per gli schemi per l’accesso dei pazienti presso il NICE, adattato] Vedi anche Accordi di accesso condizionato (managed entry agreements)

Schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari conseguiti (Performance based health outcome reimbursement schemes)

Programmi tra gli organismi pagatori del sistema sanitario e i produttori di farmaci in cui il prezzo, il livello o la natura del rimborso sono legati a misurazioni future di endpoint clinici o intermedi, legati in ultima analisi alla qualità o alla quantità di vita del paziente  e che sembrano essere motivati dal desiderio di fornire ai malati un accesso a tecnologie sanitarie innovative e in grado di portare benefici potenziali, sotto la pressione di una notevole incertezza e dei costi. [Fonte: Carlson JJ , Sullivan SD, Garrison LP, Neumann PJ, Veenstra DL. Collegare i pagamenti ai risultati scientifici: tassonomia e analisi degli schemi di rimborso basati sugli esiti sanitari tra organismi pagatori e produttori. Politica Sanitaria. Agosto 2010 96(3):179-90.] Vedi anche Accordi di accesso condizionato (managed entry agreements)

Schemi di ripartizione del rischio (Risk sharing schemes)

    Accordi tra contribuenti e aziende farmaceutiche per limitare l'impatto sui budget di farmaci nuovi o esistenti, dovuto sia all'incertezza sul valore del farmaco che alla necessità di lavorare con budget limitati. [Fonte: Adamski J. "Accordi per la ripartizione del rischio per i prodotti farmaceutici: possibili considerazioni e raccomandazioni per i contribuenti europei. BMC Health Services Research 2010, 10: 153]. Vedi anche: Accordi di accesso condizionato (managed entry agreements). Un contratto tra due parti che accettano di avviare una transazione il cui valore finale è incerto. Tuttavia, una delle due parti, l'azienda farmaceutica, ha sufficiente fiducia nelle sue affermazioni in merito all'efficacia o all'efficienza del proprio prodotto, da essere pronta ad accettare un premio o una penalità in base ai risultati del proprio farmaco. [Fonte: de Pourville G. "Ripartizione del rischio per farmaci innovativi. Una soluzione nuova per problemi vecchi. Eur J Salute Econ 2006, 7: 155-Z]

Sconto (Discount)

Una riduzione di prezzo concessa a un determinato acquirente di un farmaco in presenza di determinate condizioni. [Fonte: OCSE. Politiche di Prezzo per i Farmaci in un Mercato Globale]

Sistema del prezzo di riferimento (Reference price system)

I contribuenti terzi determinano un prezzo massimo (prezzo di riferimento) che deve essere rimborsato per alcuni farmaci. Per l'acquisto di un farmaco, per il quale sia stato determinato un prezzo/importo fissato (il cosiddetto prezzo di rimborso), la persona assicurata deve pagare la differenza tra il prezzo/importo fissato e il prezzo reale di vendita in farmacia del farmaco in questione, in aggiunta ad ogni compartecipazione fissa o in percentuale stabilita. Di solito, il prezzo di riferimento è lo stesso per tutti i farmaci di livello ATC 4 e/o ATC 5. [Fonte: glossario del PPRI]

Sostituzione con un generico (Generic substitution)

La possibilità di sostituire un farmaco commercializzato con un nome commerciale o con un nome generico (nome generico coperto da brevetto o fuori brevetto), con un altro solitamente più economico e contenente gli stessi principi attivi. [Fonte: adattamento da OMS. Un modello di sistema per il controllo della qualità per le agenzie di approvvigionamento]

Spesa farmaceutica, spesa farmaceutica totale (Pharmaceutical expenditure, PE, total pharmaceutical expenditure, TPE)

È definita come la spesa complessiva per beni farmaceutici e altri beni medici non durevoli. Comprende preparazioni mediche, farmaci a marchio e generici,  farmaci brevettati, sieri e vaccini, vitamine e minerali e contraccettivi orali. Altri beni medici non durevoli comprendono un'ampia gamma di prodotti sanitari non durevoli come bende, calze elastiche, articoli per l'incontinenza, preservativi e altri contraccettivi meccanici.

Spesa Sanitaria, spesa sanitaria totale (Health expenditure (HE, total health expenditure, THE)

La spesa sanitaria è definita come la somma della spese per le attività che, attraverso l'applicazione di tecnologie e competenze mediche, paramediche e infermieristiche, hanno l'obiettivo di: promuovere la salute e prevenire le malattie, curare le disabilità  e ridurre la mortalità prematura, prendersi cura delle persone affette da malattie croniche che richiedono assistenza infermieristica, prendersi cura delle persone con disabilità dovute a condizioni patologiche, prendersi cura delle persone diversamente abili a causa di una malattia, assistere i malati terminali ad avere una morte dignitosa, amministrare la sanità pubblica, fornire e amministrate programmi sanitari, assicurazioni sanitarie e altri sistemi di finanziamento. Rientrano nella spesa sanitaria le spese per la salute personale (cure terapeutiche, prestazioni riabilitative, assistenza infermieristica a lungo termine, servizi complementari alle cure sanitarie, articoli medicali erogati a pazienti esterni) e le spese per la salute collettiva (prevenzione e salute pubblica, amministrazione e assicurazione). La spesa sanitaria può essere suddivisa in: spesa pubblica, ovvero la spesa sanitaria sostenuta dal finanziamento pubblico (stato, enti governativi regionali e locali e programmi di sicurezza sociale) e spesa privata, ovvero quella parte della spesa sanitaria totale finanziata dai privati. Le fonti private di finanziamento includono pagamenti di tasca propria (sia diretti che di partecipazione ai costi), programmi di assicurazioni private, enti di beneficenza e di assistenza sanitaria sul lavoro. [Fonte: OCSE. Un piano dei conti per la sanità]

Taglio del prezzo (Price cut)

Una misura di contenimento dei costi dove il prezzo stabilito per un farmaco è ridotto dalle autorità.   

Tasso di rimborso (Reimbursement rate)

Rappresenta la quota percentuale del prezzo di un farmaco o di un servizio medico rimborsato o sovvenzionato da un pagatore terzo. La differenza con il prezzo pieno del farmaco o del servizio medico è a carico dal paziente. [Fonte: glossario del PPRI]

Tecnologia sanitaria (Health technology)

Le tecnologie sanitarie comprendono i farmaci, i dispositivi medici come le protesi d'anca, i sistemi diagnostici, le procedure mediche e chirurgiche, le attività di promozione per la salute (ad esempio, il ruolo della dieta rispetto a quello dei farmaci nella gestione di una malattia) e altri interventi terapeutici. [Fonte: Glossario del NICE]

Tipologia di prezzo (Price type)

 Livello al quale viene impostato il prezzo di un farmaco. Possono essere: prezzo franco-fabbrica, prezzo di acquisto della farmacia, prezzo di vendita della farmacia.

Uso razionale dei farmaci (Rational use of medicines)

Un uso razionale dei farmaci richiede che "i malati ricevano cure mediche adeguate alle loro esigenze cliniche, in dosi che soddisfino i propri bisogni individuali, per un periodo di tempo adeguato e al costo più basso per se stessi e per la propria comunità". Tale definizione comprende la buona qualità (in particolare, propria e appropriata) dell'uso dei farmaci da parte dei fornitori e dei consumatori, inclusa la conformità al trattamento. [Fonte: OMS. L'uso razionale dei farmaci]
Rimborso parziale (Rebate)
Sconto sul prezzo concesso all'acquirente dopo che la transazione è avvenuta. Le farmacie possono ricevere un rimborso da parte del grossista, basato sulle vendite di un particolare prodotto o sul totale delle vendite di prodotti acquistati da un determinato grossista in un periodo di tempo determinato. Non ha effetto sul prezzo pagato dal paziente ma il profitto del rivenditore è più alto. [Fonte: Eurostat-OCSE. Manuale metodologico sulla parità di potere d'acquisto (PPA)]

Utenti finali dei farmaci (utenti finali) (End users of pharmaceutical - end users)

Gli utenti finali possono essere i pazienti, i consumatori o i professionisti che fanno un utilizzo diretto del prodotto farmaceutico sui malati/consumatori. [Fonte: OMS. IMPACT. Principi ed elementi di legislazione nazionale contro i prodotti sanitari contraffatti]

Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health technology assessment - HTA)

La tecnologia sanitaria rappresenta l'applicazione delle conoscenze scientifiche all'assistenza sanitaria e alla prevenzione. La valutazione delle tecnologie sanitarie (Health technology assessment - HTA) è un processo multidisciplinare che sintetizza, in modo sistematico, trasparente, imparziale e strutturato, informazioni scientifiche su temi medici, sociali, economici ed etici conseguenti all’uso di tecnologie sanitarie. Lo scopo della HTA è informare regolamentazioni sicure, efficaci, orientate al paziente e all’ottenimento del miglior valore in termini di salute. [Fonte: EUnetHTA]

Venditore al dettaglio/dispensario (Retailer/dispensary)

È un'azienda che vende beni direttamente ai consumatori. Nel settore farmaceutico, il venditore al dettaglio è la farmacia o altri dispensatori di farmaci. È un termine che comprende le strutture che dispensano o vendono farmaci (con obbligo di prescrizione o FdB) ai pazienti esterni, ad esempio le farmacie territoriali, i dispensatori di farmaci con obbligo di prescrizione, i medici ambulatoriali, le farmacie ospedaliere, le farmacie, le parafarmacie, etc.. Nella maggior parte dei Paesi, la vendita dei farmaci è regolata dalla legge, che ad esempio stabilisce che la grande distribuzione o le parafarmacie possono vendere solo farmaci da banco (FdB). [Fonte: OMS e HAI "Valutare i prezzi dei farmaci, la disponibilità, l'accessibilità e le componenti di prezzo" e glossario del PPRI]

 
 
 
 

 

Page created: 06/05/2016
Page last updated: 22/06/2016
 
 
La voce dei malati rari in EuropaEURORDIS Rare Diseases International, la voce internazionale dei malati rariRare Disease International RareConnect è un'iniziativa di EURORDIS che mette in contatto malati, famiglie ed esperti per condividere esperienze in un forum multilingua e moderato RareConnect Il Programma Rare Barometer è un’iniziativa di EURORDIS volta a condurre indagini con l’obiettivo di trasformare le esperienze delle persone affette da malattie rare in cifre e fatti che possono essere condivisi con i decisori politici.Rare Barometer La Giornata delle Malattie Rare, una campagna di sensibilizzazione internazionale che si svolge l'ultimo giorno di febbraio di ogni anno.Rare Disease Day La Conferenza Europea biennale sulle Malattie Rare è il più grande incontro di soggetti interessati al tema delle Malattie Rare in Europa. L'ECRD è un'iniziativa di EURORDISEuropean Conference on Rare Diseases