Skip to content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Luglio 2013

Il sesto Corso Estivo di EURORDIS continua ad essere un importante strumento di formazione


Corso Estivo di EURORDIS 2013

Il sesto Corso Estivo di EURORDIS si è svolto a Barcellona dal 17 al 21 giugno 2013 e ha riunito un nuovo gruppo di partecipanti entusiasti di conoscere il processo di sviluppo dei farmaci, dalla fase di sperimentazione clinica  all’autorizzazione all’immissione in commercio. Con l’edizione di quest’anno è stato raggiunto il numero totale di 200 partecipanti, in rappresentanza di 34 Paesi e 72 diverse malattie.

La formazione, offerta dal Corso Estivo, consente agli studenti di essere maggiormente coinvolti nelle attività che riguardano le malattie rare a livello europeo e locale. Queste attività comprendono la revisione delle domande per la designazione di farmaco orfano e la classificazione delle terapie avanzate nei comitati scientifici presso l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), la revisione dei documenti destinati al pubblico e la partecipazione a consigli scientifici (protocollo di assistenza). A livello locale, cinque dei dieci advisor di EURORDIS-EUROPLAN hanno frequentato il Corso Estivo.

Supporto e formazione continua sono offerti agli studenti del Corso Estivo attraverso programmi per la formazione on-line sul sito di EURORDIS e registrazioni video di presentazioni dei corsi estivi precedenti. Gli studenti possono anche tenersi in contatto tra loro ed allargare  le loro reti attraverso i social media di EURORDIS, la registrazione alla newsletter e una relazione mensile sulle attività presso l’EMA. Inoltre, gli studenti possono creare o unirsi ad una comunità RareConnect.org, accedere al database per trovare altri pazienti che hanno seguito i corsi estivi nel loro Paese o sulla malattia di loro interesse.

Un’altra risorsa di formazione è stato il Corso Estivo  organizzato nell’ambito degli Euromeeting DIA, dove 55 studenti hanno ricevuto una delle 180 borse di studio che sono state messe a disposizione dei malati rari dal 2008.   

Per maggiori informazioni contatta Nancy Hamilton (nancy.hamilton@eurordis.org)

 


Traduttrice: Roberta Ruotolo